LE 4 LEGGI FONDAMENTALI DELLA IMPAGINAZIONE GRAFICA

Una mappa sulla GERARCHIA visiva

Kom i gang. Det er Gratis
eller tilmeld med din email adresse
LE 4 LEGGI FONDAMENTALI DELLA IMPAGINAZIONE GRAFICA af Mind Map: LE 4 LEGGI FONDAMENTALI DELLA IMPAGINAZIONE GRAFICA

1. IL TG della grafica

2. Best of Behance

2.1. Questo sito è un incubatore

2.2. Once Appon a Time

3. L'occhio e la lettura delle informazioni

3.1. TROVARE UN MODO PER ATTIRAR L'ATTENZIONE senza deviazioni su elementi del messaggio non principali, e senza risultare eccessivi o volgari

3.1.1. IL MESSAGGIO deve passare MEDIANTE UN' IMMAGINE che non deve essere troppo complessa: l'attenzione umana ha una soglia di 5-7 secondi per rilevarlo

3.1.2. se il messaggio non è CANALIZZATO nel modo giusto, non passerà la comunicazione

3.2. la struttura delle pagine pubblicitarie PONE UN ETERNO DILEMMA

4. concetto di GERARCHIA: ogni prodotto deve seguire uno schema determinato per essere attraente

4.1. piramide mentale per CONCETTI CHIAVE

4.1.1. IL PRIMO CONCETTO CHIAVE STUDUATO DAL MARKETING SI BASA SULLA TIPOLOGIA DI LETTURA DA DESTRA IN ALTO A SINISTRA IN BASSO

4.1.1.1. per prima cosa dobbiamo guardare il BRIEF

4.1.1.1.1. I DESIGNER sono navigatori della comunicazione, e devono orientare e dire dove deve andare l'attenzione dell'utente finale

4.1.1.1.2. deve esserci consapevolezza del PESO GRAFICO degli elementi della pagina: head line peso massiccio, body text più leggero

4.1.1.1.3. al LETTORE deve essere chiara l'importanza della pagina ANCOR PRIMA di averla letta

4.1.1.2. Nielsen Norman Group: UX Training, Consulting, & Research

4.1.1.3. CONDIZIONE ISTINTIVA CHE CREA LE "REGOLA STANDARD DETTA F"

4.1.1.3.1. è il primo che va utilizzato quando abbiamo tante informazioni e tanto testo

4.1.2. LIVELLO DI LETTURA A "ZETA"

4.1.2.1. La gerarchia visiva e il nostro occhio tendono a lavorare con andamento a "z": prima alto SX, poi a DX (Indotto dall'uso di password o di username), poi in basso a SX nuovamente (condizionato dalo standard di lettura della "firma in calce" o dell' "autorizza il pagamento")

4.1.2.1.1. Per organizzare un sito

4.2. gerachia visiva: priorità per ordine della comunicazione

4.2.1. la prima legge della gerarchia visiva è la dimensione: A LETTERE CUBITALI metto il titolo che deve colpire l'attenzione

4.2.2. la seconda legge è LA SPAZIATURA o gli SPAZI VUOTI

4.2.2.1. dove non ci sono elementi si conviglia l'attenzione sull'elemento da sponsorizzare. L'occhio va per la via più semplice. Il titolo in alto.

4.2.3. la terza legge è la TIPOGRAFIA

4.2.3.1. si può associare il FONT alle immagini https://www.canva.com/font-combinations/

4.2.3.1.1. soluzione BASE: se ho un carattere senza grazie il testo in piccolo sarà con le grazie. e viceversa_ se ho un testo artistico e molto elaborato, non scrivo tutte le lettere in maiuscolo, e il testo piccolo dovrà essere in bastone. Se ho testo in schiacciato il testo sotto dovrà essere schiacciato. SI SCELGONO AL MASSIMO TRE FONT

4.2.4. la quarta legge IL COLORE

4.2.4.1. i colori brillanti esprimono di più di quelli pastello o grigio

4.2.5. Quinta legge: il lLAYOUT

4.2.5.1. l'impostazione della pagina,

4.2.5.1.1. head line

4.2.5.1.2. body text

4.2.5.1.3. icone

4.2.5.1.4. immagini e colori

4.2.5.2. LO STILE grafico soggettivo

4.2.6. l'ultima legge: l'UNITA'

4.2.6.1. dare impressione di un corpo solo

5. IL PUNTO FOCALE è fondamentale e segue le leggi della gerarchia visiva

5.1. è espressione dell'ORGANIZZAZIONE: UN TESTO va reso meno pesante, spaziandolo in paragrafi, con una immagine a sinistra in basso che rilassi l'occhio e induca la lettura